Il coraggio di cambiare

Se è vero il detto che la bellezza viene da dentro e riflette il nostro stato di salute, è altrettanto vero che anche la nostra salute dipende dal nostro equilibrio interiore, corpo e mente.

Siamo così concentrati sul mettere la nostra attenzione su altri aspetti che spesso ci dimentichiamo di questo concetto fondamentale.

Eppure l’intestino ha un ruolo basilare nella nostra salute e contribuisce al 70% della qualità del nostro sistema immunitario.

Da reminiscenze scolastiche ricordiamo che si divide in tenue e crasso

Circa 7 metri tra i vari tratti che dallo stomaco si collegano all’ultimo tratto il crasso, con ruoli e funzioni ben precise e differenti.

Basti pensare che più di 100 milioni di neuroni dall’intestino, innervano tutto il tratto gastro intestinale per regolare varie funzioni del medesimo:

controllare la motilità intestinale

assorbire nutrienti

produrre acidi gastrici

controllare la digestione di nutrienti

Tutto avviene in maniera autonoma, senza che i nostri pensieri ne vengano coinvolti, addirittura senza che il il sistema nervoso centrale lo sia.

Eppure, i nostri pensieri soprattutto quelli negativi lo debilitano, lo influenzano, lo alterano.

Ma andiamo per gradi.

Prima di tutto è importante sapere che l’intestino è popolato da una popolazione ( microbiota) di microorganismi buoni e cattivi ( si pensa più di 140.000 specie tra virus funghi e batteri )

che vivono in relazione simbiotica tra loro.

Un vero e proprio ecosistema.

Lo scienziato russo Elijah Metchnikoff che vinse il premio nobel per la medicina nel 1908 per il suo lavoro sull’immunità, sosteneva che la morte inizia nel colon.

Questo perché se iniziano gli squilibri nel microbiota, si sviluppano malattie legate a disturbi digestivi ( acidità gastrica, gonfiore, dolore addominale, problemi di transito, sindrome di colon irritabile), obesità, malattie metaboliche, infezioni urinarie, broncopolmonari e altri disturbi legati al sonno, alla stress, alle allergie, alle emicranie.

Quante volte avrai sentito l’espressione

“Prendi una decisione di pancia!”

Hai mai fatto caso alle somiglianze tra intestino e cervello? prova a vedere un’immagine e nota come si assomigliano.

Le cellule intestinali producono il 95% della serotonina il neuro trasmettitore del benessere.

Emozioni e abitudini fanno si che l’intestino rilasci ormoni importanti per il nostro benessere, stessa cosa dicasi per lo stress.

Cervello e intestino sono direttamente collegati tra loro, ecco perché si parla di asse pancia -testa.

L’intestino può pensare, provare, emozioni in maniera autonoma.

Gli stessi disagi dell’intestino sono fortemente legati al microbiota e alle emozioni che viviamo.

Ecco perché è fondamentale prendersene cura,

Aspetto basilare della prevenzione primaria.

A questo punto mi viene da farti una domanda

Tu sai come aiutare il tuo intestino?

Quali cibi lo aiutano e quali lo irritano?

Sai riconoscere i segnali di malessere che ti manda il tuo corpo?

Sai perché è importante un’integrazione consapevole?

Sai la differenza tra probiotici e prebiotici?

Non possiamo pensare di occuparci della nostra salute senza conoscere i meccanismi che la regolano.

Sarebbe come fare pulizie di cambio stagione in maniera sommaria solo per permettere ad un visitatore di passaggio di notare un ordine apparente.

Ma se venisse ad esempio mia madre che è una maniaca della pulizia noterebbe l’approssimazione della cosa, noterebbe che non sono state fatte con amore.

Ecco la stessa cosa vale per il nostro corpo.

Va curato, detossinato, ascoltato. aiutato nei cambi di stagione e soprattutto nelle stagioni della vita.

Dobbiamo sapere che latte, miele, cioccolato, verdure a foglia larga cotte asparagi, finocchi, legumi funghi peperoni sono cibi ricchi di fibre e importanti da assumere ma che

un intestino irritato potrebbe irritarsi ancora di più

Ecco perché vengono consigliati pasti piccoli ma più frequenti, pochi zuccheri, cibi integrali.

Lo stesso abuso di antibiotici può alterare l’intestino e comunque sempre meglio abbinata all’utilizzo di probiotici.

Noi donne tra l’altro, siamo influenzate sin dalla pubertà dagli ormoni che accompagnano i nostri stati d’animo, che regolano fecondazione o menopausa, che incidono sullo scorrere della nostra vita.

Alcune malattie stesse vengono influenzate alimentazione, stress, stile di vita, sedentarietà, abuso di cibo spazzatura.

A questo punto mi chiedo come si possa ignorare tutto questo e affidarci alla vita lasciandoci vivere e non vivendola.

Ecco perché ti chiedo, se mi segui e mi stai leggendo di amarti ogni giorno con costanza e attitudine.

Di cercare di capire i meccanismi che coinvolgono le tue stagioni.

Di supportare il tuo organismo e il tuo sistema immunitario con aiuti tangibili.

Non è più tempo di indifferenza.

Non è più tempo di mancanza di conoscenza

Non è più tempo di attesa.

E’ tempo di azione

E’ tempo di presenza

E’ tempo di scelte consapevoli

E’ tempo di informazione vera

E’ tempo di essenza

E’ tempo di vivere non sopravvivere.

E’ tempo di te

E’ tempo di me

E’ tempo di noi

CC

https://www.quantumhes.it/negozio/?referer=2919

Condividi questo post:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *